Esondazione

Vittorio Carpaccio, San Giorgio e il drago, 1502

Nello scegliere il modo per rappresentare gli eventi del G8 di Genova a vent’anni di distanza, ho scelto di usare la meccanica dei fluidi in generale, l’idraulica fluviale e i meccanismi perturbativi più nello specifico, muovendomi attraverso sei luoghi della città, cinque che conoscevo e uno no. Cinque attinenti al G8 e uno no. 

Il materiale che ho utilizzato è il più diverso, riporto qui solamente un’immagine di San Giorgio e il drago di Vittore Carpaccio, attorno al quale ruota una delle parti, 3. Portali.

Di seguito un estratto dalla parte finale: 6. un Belvedere.

La città vecchia non è stata deformata dagli eventi, dal colpo d’ariete di giorni che hanno battuto su tutto il resto, valvola di metallo di cattiva qualità.
Così la guardo, libera dall’obbligo della memoria vigile, lasciando
che tutto fluisca, gli anni si mescolino, i luoghi si confondano,
e con loro le persone, gli odori, gli incontri. Così torno a Genova, muovendomi a occhi chiusi, come ci si muove di notte nel sonno, per andare in cucina a cercare acqua dal rubinetto. Eppure so che qualcosa mi aspetta, negli spazi vuoti della libreria, dietro le tende della camera, nell’armadio di abiti smessi. Se apro gli occhi, sono lampi di luce, fotografie sovraesposte, diapositive
bruciate.

Si trova in: Circospetti ci muoviamo. Avere vent'anni, ed effequ, 2021. Racconti di Ivan Carozzi, Roberta Covelli, Giuseppe Fabro, Veronica Galletta, Valentina Maini, Ndack Mbaye, Matteo Porru, Paola Ronco, Orso Tosco, Nicoletta Vallorani, Daniele Vicari, Federico Zappini

shopping_cart Acquistalo su » effequ

Pubblicato da

vgalletta

Nata e cresciuta a Siracusa, ha trascorso parte dell'infanzia a Ozieri, in Sardegna, e da anni vive a Livorno. È laureata in ingegneria civile idraulica a Catania, materia in cui ha conseguito anche un dottorato di ricerca, e ha lavorato come ingegnere idraulico prima di intraprendere la carriera di scrittrice a tempo pieno. Ha scritto numerosi racconti pubblicati su riviste e quotidiani. Nel 2013 il monologo "Sutta al giardino" le è valso il premio per monologhi teatrali “Per Voce Sola” del Teatro della Tosse di Genova. Nel 2017 il suo romanzo inedito "Pelleossa" è arrivato tra i finalisti della III edizione del premio Neri Pozza. Con il romanzo "Le isole di Norman", già finalista alla XXVIII del Premio Calvino, ha vinto il Premio Campiello Opera Prima 2020. Il suo romanzo "Nina sull'argine", uscito a ottobre 2021 per minimum fax, è tra i 12 libri candidati al Premio Strega 2022.