Interviste

play_circle_outline Premio Campiello


 

» ItaliansBookitBetter

{Il Fantasma e la Persona – una conversazione con Veronica Galletta}

intervista di Emanuela Cocco

 

» La Sicilia

{Ortigia e la solitudine di Elena}

Una ricerca sui fatti misteriosi della famiglia. Come cercare un teatro nascosto.

intervista di Carmelo Miduri

 

play_circle_outline Pagina 131

{Un altro podcast sui libri}

video-intervista di Gianpiero Meloni e Emiliano Longobardi

 

» Tre sequenze

{Libri, cicatrici, strade: Veronica Galletta racconta “Le isole di Norman”}

Al centro del romanzo si coglie un forte senso dello spazio. La protagonista ne vive due, uno spirituale e uno temporale, senza mai separarli del tutto. Anche il lettore è trasportato in questo luogo misto.

intervista di Silvia Valli

 

play_circle_outline Tre sequenze

{Diretta Instagram}

video-intervista di Silvia Valli

 

» Formicaleone

{Di pensieri e umori spaiati}

Gesualdo Bufalino dialoga con Veronica Galletta

 

» Moo Magazine

{Fantasmi, territori, famiglie}

intervista di Andrea Donaera

 

play_circle_outline Rai Cultura Letteratura

{Un romanzo a spirale}

Elena disegna mappe e dissemina romanzi in giro per le strade sperando che sua madre li trovi; riflette ossessivamente sul suo passato; si chiede la ragione delle cicatrici che porta addosso.

 

» la Repubblica Palermo

{La scrittura è donna}

Ha le idee chiare di chi ha grinta, Veronica Galletta, ingegnere, scrittrice siracusana, neofita tra le scrittrici, premio Campiello opera prima 2020 con il romanzo “Le isole di Norman”, ambientato nella sua Ortigia, rimasto al buio per cinque anni prima di essere pubblicato dalla Italo Svevo, con uno scouting rischioso, e diventare, con una buona probabilità, l’esordio dell’anno.

intervista di Marta Occhipinti

 

play_circle_outline Decamerette

video-intervista di Simone Lisi

 

play_circle_outline Scrittori a domicilio

video-intervista di Emanuela Canepa

 

» Libreriamo

{Il romanzo vincitore del Premio Campiello Opera Prima}

L’imprevedibilità della vita affascina proprio perché disorienta, perché cerchi un modello per maneggiarla, una curva che riesca a interpretare tutti i punti che hai raccolto, con il desiderio di vedere l’indice di regressione finalmente vicino a uno

intervista di Maria Pia Romano

 

play_circle_outline Fahrenheit Rai Radio 3

{Il libro del giorno}

 

» Il Piccolo

{Nelle Isole di Norman Veronica Galletta traccia la mappa delle cicatrici del passato}

C’è un’isola. C’è una giovane donna in cerca di sua madre. E c’è un mistero.

intervista di Mary B. Tolusso

 

» Il Giornale di Brescia

{Quando le cicatrici sono una parte integrante della vita}

Le ustioni dell’acqua bollente sul corpo della bambina Elena, sulla sua pelle di donna sono diventate geografie da mappare; ma sono anche siti di solitudine.

intervista di Francesco Mannoni

 

play_circle_outline The Book Advisor

{In Diretta con gli Autori}

Veronica Galletta presenta nel gruppo Facebook Book Advisor il libro “Le isole di Norman” edito dalla casa editrice Gaffi/Italo Svevo, romanzo che ha ricevuto il Premio Campiello Opera Prima 2020. Appuntamento a cura di Emanuela Cocco per la rubrica Dopo la Prima.

video-intervista di Emanuela Cocco

 

play_circle_outline Biblioteca San Giorgio

 

» Corriere Fiorentino

{L’ingegnere del Campiello}

Sullo sfondo c’è un momento storico ben preciso, quello tra il 1991 e il 1992, molto particolare per l’Italia (la fine del PCI, le stragi di mafia) e per Ortigia, che comincia a essere oggetto di attrazione turistica e quindi di trasformazione.

intervista di Vanni Santoni

 

» LivornoToday

{Veronica Galletta presenta il suo romanzo “Le Isole di Norman”. Ecco com’è nata l’idea di questo libro}

È siciliana, di Siracusa, e nella parte più antica della sua città natale – l’isola di Ortigia – ha ambientato il suo romanzo d’esordio “Le Isole di Norman”

intervista di Anita Galvano