Cronache dai bordi

Pictures of you

Andiamo a vedere i Cure?, mi ha chiesto Rino. Sono a Firenze, l’anno prossimo.

Gli ho risposto di no, come sempre in questi casi. Non vado mai a vedere i concerti dei morti, ai concerti dei morti si va solo per cercare i sé stessi di tanti anni prima, e io diffido della pratica dell’archeologia nostalgica.

Poi oggi mi capita per caso di riascoltare questa canzone

If only I’d thought of the right words
I could have held on to your heart
If only I’d thought of the right words
I wouldn’t be breaking apart
All my pictures of you

e allora penso di avere ragione, molta ragione, e penso anche che Robert Smith, in fondo in fondo, la pensa come me.

Perdere l’urlo.

Ieri ho perso il controllo.

Che poi anche ad analizzare l’espressione, perdere il controllo, io che detesto i modi di dire, le frasi fatte, i percorsi già tracciati e i tramonti infocati e le albe livide -si veda a tal proposito il post precedente-, che poi finisce che mi chiedo: ma che espressione del cazzo. Perdere il controllo. Che presuppone che il controllo ce l’abbiamo sempre, che è quella la condizione giusta per questa nostra vita, avere il controllo e tenerlo al guinzaglio, come un cane riottoso, uno di quegli orrendi mastini sbavosi che si tirano in avanti come se ad ogni passo dovessero piantarsi a terra, che poi dove vuoi che volino, con quel fisico là che si ritrovano.

Qualcuno ha mai spiegato la gravità a un molosso?

Continua a leggere Perdere l’urlo.

the meyerowitz stories

l’altra sera guardavamo the meyerowitz stories, su netflix. un film come tanti altri di quel tipo di film intendo, una famiglia disfunzionale che in un momento di crisi\svolta\scelta è costretta a confrontarsi. nulla di nuovo quindi, tutte le famiglie sono disfunzionali, tanto che probabilmente si potrebbe anche evitare l’aggettivo, dire tutte le famiglie, e sottintendere disfunzionali, come i gatti che sono tutti neri, e le albe livide e tramonti infocati. insomma, non so bene se mi sono spiegata, forse manco tanto capita, ma lasciamo perdere. e andiamo avanti. in questa famiglia disfunzionale (si seguito indicato solo come: f.d.) del film c’era quindi un padre egocentrico ed egoista, una seconda – anzi terza – moglie distratta, una figlia trascurata e rassegnata, un figlio trascurato e sofferente e un figlio ancora amato e messo al centro.

Continua a leggere the meyerowitz stories

Storia di un tic tac

L’altro giorno ero a un corso di aggiornamento per il lavoro. Non mi piace andare ai corsi di aggiornamento per il lavoro, difficilmente ci sono argomenti che mi interessano veramente, in genere non conosco nessuno e mi sento un’aliena. Ma tant’è. Esistono. Bisogna andarci. Insomma quindi arrivo a questo corso, è pomeriggio, mi sento a disagio, ho già sbagliato parcheggio e mi sono piazzata davanti a un edificio che non c’entra niente, molto più avanti – chiaro segno di esclusione, tutto è chiaro segno di esclusione in questi momenti – entro e mi siedo. Le poltroncine sono scomode, strette, o forse sono io che mi sono allargata -ancora-meglio non pensarci e sopportare. Sono solo quattro ore. Quattro ore ed è finita, me ne vado a casa.

Continua a leggere Storia di un tic tac

Villa Deliella

Ieri sera su SkyArte, saltando di canale in canale alla come capita, ieri sera ho beccato un documentario su Palermo. Palermo è una città che conosco pochissimo, nonostante io sia siciliana, o forse proprio perché sono siciliana, ma dell’altra sponda, e vivo fuori. La Sicilia è un’immensità di cose, da tutti i punti di vista, anche perché è molto grande, e così è difficile che chi vive in oriente, come me quando ci vivevo, riesca poi a conoscere a fondo la Sicilia d’occidente. Quest’estate per la prima volta ci sono stata per un paio di giorni, ma è evidente che sono niente per avere a che fare con una città. In ogni caso, alcune cose di Palermo le conosco, e una in particolare mi è tornata in mente ieri sera guardando il documentario su Sky -con anche Giorgio Vasta, che rimane, oltre che uno scrittore meraviglioso, un portatore di pensiero complesso e mai scontato.

Continua a leggere Villa Deliella

La città e l’immaginario

Ascolto Spotify questo pomeriggio, vago fra le playlist che il mezzo ha creato per me, mi deprimo un poco e poi non poco, a sentire che razza di tristonaggini mi propone, tutta colpa mia, è evidente, mi ha campionato in ore e ore di ascolti, e ora mi fa il verso. Reggo un paio di brani, forse tre, poi passo al successivo, è una play weekly, forse il martedì ha risolto che sto più di buonumore.

Continua a leggere La città e l’immaginario

Cronache dai bordi

Oggi pomeriggio siamo stati al parco. Non c’era molto tempo, oggi, quindi siamo andati al parchino quello detto Centro Città, il parchino dell’Odeon. E mentre ero là seduta, un occhio lontanissimo a Ettore per permettere lo sviluppo di quella cosa chiamata indipendenza seppur in sicurezza, mentre ero là, mi guardavo attorno.

Continua a leggere Cronache dai bordi

Ieri

Ieri in piscina, seduti sulle gradinate, sommersi dal frastuono combinato delle urla dei maestri, dei tuffi dei bambini, del rimbombo di un posto acusticamente infernale, la mia amica si sporge da dietro il marito, mi tira per una manica e mi fa: Oh, hai visto di Cucchi? Hanno confessato, e io le faccio di sì con la testa e poi mi rigiro a guardare la piscina, i Via! dei maestri, i tuffi scomposti dei bambini in acqua, e penso, penso che è successa una cosa veramente enorme, se ci viene il desiderio di condividerlo anche in questo canaio, in mezzo a questo frastuono tutto diverso e per questo tutto uguale, e allora, mi dico, allora questa cosa è veramente enorme, è una cosa di tutti noi, e devo scriverla, penso, per ricordarmela, perché non si perda fra mille docce e mille asciugature di capelli, fra mille merende e mille corse verso scuola, scriverla per non dimenticarla, scriverla me e anche per chi nuota in questa piscina e di questa storia sentirà parlare fra molti tanti anni.

Ieri 11 ottobre finalmente il primo carabiniere ha ammesso che Stefano Cucchi è stato picchiato. Noi proseguiremo ad andare in piscina, Stefano Cucchi non può più da nove anni. Ma ieri finalmente qualcosa è accaduto, e noi, pur nel frastuono inutile delle nostre vite, ce lo siamo detti. Siamo vivi, in fondo, nonostante tutto.

Le case degli altri

Questa è la mia casa. Cucina, stamattina. La foto, bruttaiola, mi rendo conto, è stata fatta per un mio amico online, con il quale ci scambiamo le foto delle lampade che abbiamo in casa. In primo piano quindi la Castiglioni per Floss fuori produzione,  con le sue curve perfette. Ma dietro, poi ho guardato meglio dietro, dietro si vede il cortile, le case sullo sfondo. Le case degli altri.

Ieri Ettore e un suo amico hanno preso il binocolo che sta sempre là, poggiato sul mobile accanto alla portafinestra, e si sono messi in balcone a guardarsi attorno, come faccio io, spessissimo, con le storie di questo cortile che conosco tutte e sulle quali invento quello che non conosco.

Sono le cronache dai bordi, storie minime di vite minime di persone minime, che eppure a me sembrano sempre piene di significati, e altre storie, e altri pensieri. Per questo ci viene così difficile cambiare casa. Per questo cortile, e tutto il mondo che c’è intrecciato attorno.